Le Poesie


Io Urlo!

locandina 6 e 7 novembre 2015

poesie2-copy-2

“Castelli in aria”

Quando le zolle
avide e le frane
avran bevuto
questo mare
divenuto fango,
lungi dal ricordar
che questo giorno
sorse nell’ombra
d’una notte chiara,
triste, ripenserò
a quando io,
coi piedi scalzi
calpestavo i ciottoli
d’un debole castello
in riva al fiume,
costruito su sogni
senza pianto.

 “Occhi”

Simili a uno specchio
sono gli occhi di tutti:
riflettono gli arcani
sogni ed i magici
viali d’una vita,
ma la tristezza e
l’ombra di se stessi
non rispecchiano.
Falsi profeti de
l’angoscioso io
che superbo edifica
il suo trono sulle
miserie d’una triste
e pensosa gente.
Animi superbi! Voi
sarete coperti da frane
avide di lutti, di
dolori, di odi,
prive di pietà
che voi, bianchi
sepolcri, custodivate
nella sozzura di
quel vostro lezzo.
Questo perché
sempre in quest’esilio,
ciascun si troverà,
ancor sempre, ad avere,
solo e soltanto quel
che avrà donato.